Mais: dal Consorzio informazione, confronto e un nuovo contratto per produttori di trinciato e pastone

CREMONA – Si è tenuto presso la sede di Via delle Vigne 21o il convegno organizzato dal Servizio Agronomico del Consorzio Agrario di Cremona in collaborazione con Regione Lombardia, Bayer e Agronotizie/Image Line sugli importanti temi dell’innovazione e della sostenibilità nella coltivazione del mais. Una preziosa occasione d’informazione per tutti i nostri maiscoltori ma anche di confronto con le istituzioni, vista la presenza tra i relatori del dottor Beniamino Cavagna del Servizio Fitosanitario della Regione Lombardia. Ad aprire i lavori presso gli spazi espositivi Case IH trasformati per l’occasione in suggestiva sala conferenza, è stato il Presidente Paolo Voltini, che ha prima ringraziato tutti, organizzatori e partecipanti dell’open day di sabato al servizio macchine che ha visto la partecipazione di quasi 1500 persone, e poi ha ricordato il continuo e sempre più intenso impegno del Consorzio Agrario di Cremona al fianco di soci e clienti. Un approccio sempre più votato all’innovazione, alla ricerca e alla soddisfazione degli agricoltori che ha portato alla partenza di progetti d’avanguardia, come quello denominato “Filiera Smart Farming Cremona” nell’ambito del quale è stato sviluppato anche il Decision Support System, software che supporta le aziende nelle varie fasi della produzione. Introdotto da Ivano Valmori di Image Line (presente nella doppia veste di moderatore e relatore sul tema di “Agricampus, promuovere l’uso sicuro e consapevole degli agrofarmaci”), il dottor Beniamino Cavagna ha parlato delle nuove misure di mitigazione previste dal PAR. Esaurito il suo intervento e risposto ad alcune domande formulate da tecnici e agricoltori, è stata la volta degli esperti Bayer Crop Science Michele Bonvicini e Roberto Balestrazzi che hanno illustrato la soluzione “Ardengo Xtra, per un diserbo sostenibile del mais“. Infine l’intervento di Sandro Berti, vice direttore del Consorzio Agrario di Cremona, che ha posto l’accento sull’unicità dei contratti di filiera proposti dal Consorzio, sulle condizioni estremamente vantaggiose e le garanzie certe che offrono a tutti coloro che li scelgono. In particolare, è stato presentato un innovativo contratto destinato ai produttori di trinciato e pastone con condizioni riservate agli agricoltori che solo il Consorzio Agrario di Cremona, insieme ai propri partner, è in grado di offrire e che è destinato ad essere dirompente sul mercato. Lo dimostrano, a una settimana dalla sua presentazione, il boom di sottoscrizioni già effettuate. Per il Consorzio Agrario di Cremona era presente alla serata anche il direttore Franco Vertini. Il mais sarà ancora protagonista venerdì 1 marzo dalle 18.30 in un nuovo incontro dal titolo “Novità sull’utilizzo dei diserbi secondo le indicazioni di Regione Lombardia” che il Consorzio ha organizzato nel cremasco, nella propria filiale di Capralba, in via Crema 2, località Cascina Famosa. Interverranno il dottor Gianni Azzali che parlerà di “Par, nuove misure e soluzioni” e il dottor Adriano Politi che presenterà le proposte Syngenta 2019 per il mais”

 

Leggi altri articoli

Leave A Reply