Strategie alimentari estive: i consigli dei nostri nutrizionisti

Luglio ha concesso un periodo di pausa dalla morsa del caldo, iniziata in maniera decisa alla fine di giugno. Lo stress da caldo è il peggior nemico della bovina, e l’abbiamo constatato col calo dell’ingestione e conseguente calo di produzione registrato nei momenti di massimo picco afoso, con temperature minime oltre i 20°C. Per cercare di contrastare il calo produttivo, o meglio ancora per garantire alla bovina un buon livello di ingestione e soddisfacimento dei fabbisogni possiamo ricorrere ad alcune strategie alimentari: innanzitutto insistere sulla digeribilità dei foraggi, cercando di usare fieni poco lignificati, magari fasciati o insilati giovani maggenghi, con più fibra solubile e NDFD alta, così da garantire il funzionamento dei cellulosolitici ruminali e dare anche maggior appetibilità alla razione. Non abbassare il livello di proteina e ricercare fonti di RUP, in modo particolare lisina e metionina ruminoprotette, perché l’ingestione bassa non pregiudichi l’apporto di proteina bypass e l’assorbimento di aminoacidi per lo svolgimento dei processi fisiologici e metabolici, che ancora di più nel periodo estivo sono messi a dura prova per l’alto stress, oltre che per mantenere il tessuto muscolare che essendo la prima fonte di aminoacidi gluogenetici si trova ad essere coinvolto nel catabolismo energetico; scegliere fonti di grassi rumino-protetti, meglio ancora se frazionati, ed evitare eccessi di PUFA che possano irrancidire e interferire con le fermentazioni ruminali e la sintesi di grasso nel latte. Aiutare il bilancio acido-base del rumine, inserendo tamponi, sodio e soprattutto potassio per contrastare il calo del pH e l’acidosi metabolica favorita dallo stress da caldo; importante mantenere un alto livello di vitamina E (almeno 1000mg capo/giorno), per la sua azione antiossidante. Prestare particolare attenzione ai piedi e tenere sottocontrollo il locomotion score degli animali, cercando di prevenire forme più gravi di zoppia e anticipando il problema prima che diventi serio; è consigliabile l’introduzione di zinco chelato e biotina in razione per irrobustire lo zoccolo e promuovere la sintesi e il rinnovo del cheratogeno. Il Consorzio Agrario di Cremona ha sviluppato un prodotto che accomuna tutte le esigenze e i bisogni tipici del periodo estivo: L’IDROCAP COMPLEX, integratore a base di potassio, con vitamina E, biotina e zinco chelato, per sostenere la funzionalità ruminale e prevenire problemi podali da stress estivo*.

Infine è consigliabile mettere a disposizione della mandria un ambiente il più possibile ventilato, acqua disponibile e un accesso all’acqua proporzionato al numero di animali, ed installare per chi ne ha la disponibilità sistemi automatici di raffrescamento.

Il periodo estivo merita particolare attenzione e la prevenzione è il miglior strumento per superarlo al meglio!

*Per informazioni su IDROCAP COMPLEX contattateci allo 0372.403202

Leggi altri articoli

Leave A Reply