Nominato il nuovo CdA. Il bilancio 2017 conferma crescita e sviluppo

CREMONA – Si è tenuta oggi, lunedì 25 giugno, in prima convocazione presso la sede del Servizio Macchine in via delle vigne 210, in un clima di grande serenità e distensione, l’Assemblea generale dei delegati del Consorzio Agrario di Cremona. Tra i punti all’ordine del giorno la nomina: del nuovo Consiglio d’Amministrazione, dei Sindaci, del Presidente del Collegio sindacale e l’approvazione del bilancio d’esercizio 2017.

Al termine delle tre assemblee parziali dei soci tenutesi la scorsa settimana a Capralba, Cremona e Casalmaggiore, la lista presentata dalla “Libera Associazione Agricoltori” per i Consiglieri ha ottenuto 892 voti contro i 1597 della lista “Coldiretti è viva”. Per quanto riguarda i Sindaci, la lista della “Libera Associazione Agricoltori” ha ottenuto 866 voti contro i 1512 della lista “Coldiretti è viva”. Il nuovo Consiglio di Amministrazione è formato dagli 8 Consiglieri in lista per “Coldiretti è viva” e da 4 della lista della “Libera Associazione Agricoltori”. Per “Coldiretti è viva” faranno parte del CdA del Consorzio l’attuale presidente Paolo Voltini, Ottorino Arisi, Gianfranco Festini, Luigi Pinotti, Giannenrico Spoldi, Raffaele Leni, Mauro Berticelli e Fabrizio Bocchi. Mentre per la “Libera Associazione Agricoltori” ci saranno Giovanni Luca Rinaldi, Antonella Ferri, Cesare Soldi e Mario Bislenghi.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione è convocato per lunedì 2 luglio alle ore 11 presso la sede di via Monteverdi 17 a Cremona per la nomina di Presidente, Vicepresidente e Comitato direttivo.

Per quel che riguarda il Collegio Sindacale è stato eletto per la lista della “Libera Associazione Agricoltori” Domenico Sorrentino, per quella di “Coldiretti è viva” Roberto Frosi e Andrea Bignami, con quest’ultimo che è stato riconfermato Presidente dell’organo.

Nel corso dell’assemblea, oltre al rinnovo degli organi sociali, si è proceduto all’approvazione del bilancio d’esercizio 2017 e alla nomina della società di revisione.

L’attività del Consorzio Agrario di Cremona del 2017 è stata caratterizzata da un andamento di grande valore. I ricavi per vendite e prestazioni di servizi hanno raggiunto complessivamente quota 189.856.674 euro, con un incremento del 4,85%. La fusione per incorporazione della Società Agricoltori Società Cooperativa di Asola produrrà effetti di rilievo sul fatturato 2018 in considerazione dell’ampio progetto commerciale avviato su un territorio che riserva ampie potenzialità. Potenzialità che si sono sapute cogliere nel corso del 2017 sulle società partecipate: Cap I srl, Cap II srl e Corsini Cereali srl

Sempre nel 2017 numerosi gli investimenti strategici avviati e tuttora in corso che si sono concentrati sul completamento dei siti di Ca’ d’Andrea, di Malagnino, di Castelponzone, del Porto Canale e del Servizio Macchine con l’inaugurazione della nuova concessionaria Case IH.

Le vendite nel settore mangimi hanno mantenuto un ottimo trend, sono salite infatti a 3.028.988 quintali facendo registrare un +3,25% rispetto all’anno precedente.

Motivo di orgoglio è rappresentato poi dal Piano Integrato di Filiera: nel 2016 il Consorzio Agrario di Cremona ha partecipato, come capofila, ad un Bando della Regione Lombardia per il finanziamento agevolato nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale 2014 – 2020, a sostegno dell’agricoltura di precisione. Di tutte le filiere che complessivamente hanno fatto richiesta di finanziamento ne sono state accolte solo 5, tra cui appunto quella del Consorzio.

Il settore agronomico registra un significativo incremento rispetto al 2016, sia in quantità sia in valore (+9%), attestandosi oltre i 15 milioni di euro. Per ciò che concerne il comparto macchine, in provincia di Cremona il mercato ha chiuso con 193 trattori immatricolati (+17,7%).

“La rotta intrapresa in questi tre anni è sicuramente proficua – ha commentato il presidente Paolo Voltini a margine dell’Assemblea di oggi – anche se molto c’è ancora da fare. Merito della squadra coesa che si è formata e del lavoro svolto dal Consiglio uscente al quale va il mio personale ringraziamento e che ha lavorato in sintonia con il Presidente, con il Collegio sindacale e con tutti. La strada da compiere nei prossimi tre anni è sicuramente impegnativa ma decisamente appassionante”. Soddisfazione è stata espressa anche per il bilancio 2017: “Manteniamo un trend positivo. 30 milioni di euro in più da quando abbiamo preso in mano il Consorzio tre anni fa e sicuramente in questo primo semestre del 2018 un 11% in più di fatturato. Sono sicuramente dati confortanti. Vogliamo fare ancora meglio, anche perché le potenzialità ci sono. Abbiamo investito parecchio su tutti i fronti. E’ ovvio che i tre anni futuri saranno determinanti non solo per consolidare gli investimenti fatti ma anche per entrare nel merito di tanti nuovi progetti”.

 

Leggi altri articoli

Leave A Reply